Like a rolling stone!


E’ tempo di lasciare, tempo di abbandonare questa terra e di provare qualcosa di nuovo. E’ tempo di lasciarsi alle spalle quello che è stato e riniziare un nuovo capitolo alla mia esperienza di viaggio. Il sud-est asiatico rappresenta l’inevitabile apice di questi mesi passando viaggiando in una terra selvaggia e desolata come è l’Australia. Andare in quei paesi rappresenta andare in paesi dove “ovunque vai, non sei mai solo”, che rappresenta quali l’esatto opposto dell’Australia. Perchè andare in Asia? Perchè visitare quei paesi? Solitamente le risposte che ottengo, sono di una tristezza incredibile. Si va dal semplice e ancora accettabile ” laggiu la vita non costa niente, dopo l’Australia voglio spassarmela e trattarmi bene” al peggio(e anche più comune purotrppo) ” vado là a prostitute”. Non starò a fare moralismo, ognuno agisce come meglio vuole nella propria vita e se la ragazza non è sfruttata (cosa che comunque resta difficile) per me potrebbe essere benissimo anche legalizzato e normalizzato. Quello che mi da fastidio quando qualcuno che mi risponde così non è tanto quest’aspetto, ma il sapere che la finalità del viaggio è così basso,mi crea una forma di disagio e rassegnazione, come quando ci si accorge che si sta parlando con un completa idiota. Pensateci, quelle sono paesi incredibilmente rilevanti per la storia umana,sono posti con una storia incredibile e ricca, influenzati da due grandi civiltà come quella indiana e quella cinese e da varie colonizzazioni o proto colonizzazione che si sono protratte per secoli. Sarebbe come dire che la cosa più bella di Firenze è il Mcdonald, è una cosa che ti spiazza.
Lasciamo stare comunque.
Sto già cominciando a programmare il viaggio, anche se so bene che molto cambierà una volta raggiunto quei posti. Devo cominciare a prepararmi a quei posti, che sebbene abbastanza sicuri, presentano nuove sfide per un viaggiatore alle prime armi come me. Se in Australia il maggior rischio era rappresentato dalla natura laggiù sarà rappresentato da “armi e malattie”, ovvero dall’instabilità politica di quei paesi a livello nazionale e internazionale e dal rischio di beccarsi una malattia tropicale veramente ostica da combattere. In entrambi i casi i rischi sono molto bassi, inferiori che in molte aree del mondo, ma non per questo vanno sottovalutate. C’è quindi da cambiare mentalità rispetto all’Australia, da capire che certe cautele vanno prese e che viaggiare allo sbaraglio in quelle aree non è possibile.

Vi aggiorno brevemente sulla cronaca di queste ultime settimane a Sydney e poi passerò al nucleo centrale del post. Insomma, come saprete sono arrivato qua il 16 Dicembre con la speranza di vendere la macchina per recuperare i soldi spesi nel suo acquisto. Ebbene, solo ieri sono riuscito a venderla ad una coppia d’inglesi, ad un prezzo che sebbene inferiori alle mie aspettative, sufficienti per sentirmi soddisfatto della vendita. Insomma ci ho messo quasi tre settimane, però considerando l’aspetto esteriore della macchina rovinato è già stato tanto se sono riuscito a prenderci quei soldi. Sicuramente ci ho rimesso un 500 dollari sulla vendita finale per quello scherzetto, se non anche 700. Il canale migliore di vendita è gumtree, diffidate da altri. Ho messo gli annunci in diversi ostelli, ma non ha chiamato pressochè nessuno (molti vengono staccati dalla concorrenza e molti non vengono neanche letti dai backpacker), ho messo l’annuncio nel Kingcross carmarket (pagando 30 dollari) e sebbene abbia ricevuto interessamenti essi sono stati pari se non inferiori a quelli provenuti da gumtree, ed infine ho messo la scritta sold sulla macchina (nessuno ha mai chiamato dicendomi che ha visto il mio numero sulla macchina). Gumtree rimane quindi il miglior strumento per vendere la macchina. Comunque insomma, alla fine la macchian l’ho venduta per 2300 dollari cash in hand, pagati dopo un ora che questi ragazzi avevano deciso di comprarli. In poco più di 10 minuti tutte le questioni burocratiche erano state assolte(consistono solo nel compilare un foglio).
Inoltre un piccolo appunto sul capodanno di Sydney, è pazzesco. Vale tutta la sua fama anche se io non me lo sono goduto al 100% (avevo un cattivo umore ancora preoccupato se sarei riuscito o no a vendere la macchina).

Insomma veniamo al dunque di questo post, che si preannuncia essere molto lungo, la sintesi di questi 10 mesi sotto un punto di vista monetario e di posti visitati. Siccome a me piace fare classifiche, farò una lista dei miei top 10 qui in Australia e quindi delle cose che secondo me non andrebbero assolutamente perse. Inoltre so che a molti interessa molto anche l’aspetto finanziario di un viaggio del genere. Vi dirò per questo motivo (facendo delle stime) quanto ho speso in questi 10 mesi, quanto ho guadagnato e quanto risparmiato. Spero che queste siano tutte informazioni che vi aiutino meglio ad organizzare il vostro viaggio in terra Downunder.

I 10 più bei posti visti in Australia
Premetto che questa classifica è del tutto personale e che è riferita solo ai posti che ho visto, l’Australia è GRANDE, io ho visto veramente una piccola parte nonostante i miei 5 mesi di viaggio.

1. Withsunday island (QLD)
2. Uluru national park (NT)
3. Cape le grande, Esperance (WA)
4. Great ocean road ( vari posti lungo il tragitto ) (VIC)
5. Margaret river (WA)
6. Cape tribulation e Daintree national park (QLD)
7. Sydney (soprattutto la zona di Manly e quella costiera) (NSW)
8. Kings canyon (NT)
9. Wilson promontory national park (VIC)
10. Jervis bay (NSW)

Le città migliori (considerando vita notturna, qualità della vita e bellezza della città)

1. Melbourne
2. Sydney
3. Adelaide
4. Perth
5. Cairns
Non ho visitato Brisbane fra le grandi città che penso si inserisca sicuramente in questa top 5

Esperienze indimenticabili
1. Vedersi passare una mandria di canguri selvatici a pochi metri da dove si stava facendo pausa pranzo.
2. Snorkeling sulla Grande barriera corallina
3. Escursione in giornata con catamarano per le Great Keppel islands
4. Fare un bel bagno caldo in un oasi termale in una gelida notte dell’outback.
5. Tramonto a Darwin

BUDGET PER 10 MESI IN AUSTRALIA

Ok, penso che questo capitolo interessi a molti ed è incredibile come sia praticamente impossibile trovare sul web un informazione del genere. Quello che visto per dire è la spesa totale, comprensiva di tutto, che ho dovuto sborsare per vivere questa esperienza di 10 mesi in Australia. Nell’insieme ci sono quindi compresi vizi, imprevisti più o meno gravi, spese extra, e soldi prestati non avuti indietro (si è successo anche questo). Sebbene questa analisi possa essere molto utile, penso debba essere presa molta cautamente. Le spese cambiano da persona a persona, gli stili di vita uguale, poi tutto dipende da cosa si fa, se si vuole viaggiare, se si resta fermi nel solito posto, se si fuma le sigarette o se ci piace bere. Quello che vi posso dire è che io ho cercato di fare in questi 10 mesi una vita più austera possibile, alcol molto limitato, non fumo, ho dormito in un ostello propriamente detto solo un paio di mesi (il resto l’ho passato dormendo in una tenda, in macchina, in un caravan o semplicemente in un prato). Comunque eccoci al dunque:

Soldi con cui sono arrivato:
2000 euro (iniziali) + 1000 euro (spediti durante il viaggio)= 3000 euro
Soldi spesi in totale:
Se non sbaglio a fare i conti, dovrebbe essere 9.500 euro pari a circa 12.000 dollari. Questo fa una media di 1.200 dollari al mese.

Soldi guadagnati:
4 mesi di lavoro : 12.200 Australian dollars, 9.600 euro (cambio d’oggi)

Soldi risparmiati lavorando qua in australia:
prima sfaticata: 2000 Aud ; seconda sfaticata: 4100 Aud ; terza sfaticata: 2400 Aud ; TOTALE: 8500 Aud (6700 euro)

Soldi con cui lascio l’Australa:
3500 Aud (2700 euro) + 400 euro rimasti = 3100 euro

Commento: Accidenti, quanti soldi ho speso qua in australia! Il bilancio sarò comunque per me pari. Avrei potuto lavorare un mesetto in più invece di spassarmela tutto il tempo e forse sarebbe stato meglio per le finanze. Ma d’altronde sono felice anche così, con 4 mesi di lavoro mi sono permesso di farmi 6 mesi viaggiando, vedendo posti, conoscendo gente e divertendomi in giro per questo paese. Considerando che ho non sfrutterò due mesi di whv, il mio mi sembra un bilancio positivo. D’altronde se avessi trovati dei lavori a regola con uno stipendio anche minimo legale, avrei messo da parte molti più soldi che mi avrebbe permesso non solo di fare zero, ma di tornare a casa anche con risparmi.

Annunci

4 risposte a “Like a rolling stone!

  1. …..Quei 10000 euro guadagnati in 4 mesi di lavoro faranno arrabbiare un pò di gente…ahahah Titolo azzeccatissimo! Buona fortuna per il Mekong!
    …”You’ve gone to the finest school all right, Miss Lonely
    But you know you only used to get juiced in it
    And nobody has ever taught you how to live on the street
    And now you find out you’re gonna have to get used to it”…Pano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...