Gli ostelli di Sydney


“L’ostello è una struttura ricettiva simile ad un albergo, ma ha la particolarità che solitamente gli spazi vengono condivisi con altri ospiti”

Ok, se uno si limita a leggere le prime due righe che da wikipedia di ostello penso non ci capisca molto di cosa realmente sia un ostello. L’ostello è infatti in realtà due cose: il posto più economico dove alloggiare all’interno di una città, il miglior posto dove conoscere altre persone. Capite perché questo tipo di accomodation sia così popolare tra i viaggiatori in solitaria (e non solo), che possono in questo modo conoscere altre persone e risparmiare soldi per viaggiare il più possibile. All’inizio finché non si prova la prima camerata insieme a persone sconosciute non si riesce a capire lo spirito dell’ostello e si pensa “vabbe vado in ostello perchè costa poco, ma se posso trovare per pochi euro in più un albergo, lo preferisco”. Eh si, lo ammetto, lo pensavo anch’io. Ma vi devo dire che mi sbagliavo di grosso… al massimo se proprio volete stare un po’ meglio andate in un ostello che costa di più, ma se siete da soli o se comunque volete cogliere a pieno un viaggio, non potete non andare in ostello.  Per esempio vi racconto la mia serata di ieri sera… allora domenica sera a Sydney o domenica sera a Urbino penso sia la stessa cosa, pub tutti semi deserti, locali chiusi a mezzanotte ecc… cosa faccio allora? provo ad andare in un pub per vedere se danno la fiorentina insieme ad un altro italiano, ma niente… solo milan per quella sera… allora si torna in ostello sicuri ormai di andare a letto presto… tornati verso mezzanotte ci viene in mente di farci una partita a scacchi, preparo la scacchiera e dopo poco si presenta un ragazzo francese (o israeliano? non ho capito bene) che mi chiede se può giocare… si fa una partita e mi straccia. Nel frattempo gli chiedo cosa fa a Sydney e vengo a scoprire che è tipo da 5 anni che sta viaggiando, che ha già visitato mezzo mondo e che ha intenzione di farlo ancora a lungo… gli chiedo la rivincita, e questa volta con una mossa da maestri nonostante avessi giocato per il tutto il tempo in difesa gli fo scacco matto; uno pari… però fra una cosa e l’altra era già quasi le tre di notte, quindi mi saluta e torna in stanza. Me lo vedo tornare 5 minuti dopo e mi dice che nel letto sotto il suo ci stanno dando sotto, per cui si può fare un altra partita. Ok, chi vince questa vince tutto. Sempre lui che sembra in vantaggio durante tutta la partita e che mi fa scacco più volte; fa una cazzata alla fine e grazie a quella gli fo scacco matto. Italia win. Dopo mi rimetto a giocare con un mio amico mezzo italiano e mezzo russo. Si vede che è mezzo russo perchè una me la vince… però ieri ero scatenato e alla fine vinco anche contro di lui (ieri mi sentivo un po’ Kasparov). Insomma, morale della favola, serata dove in giro non c’è niente e dove anchio pensavo di non fare niente,e invece alla fine sono tornato in camera alle 5 e mezzo di notte. Chiaramente anche l’ostello, come tutte le cose, hai i suoi lati negativi. Se andate in uno economico non è difficile vedere passare ogni tanto qualche scarafaggio; oppure entrare nella stanza e trovarsi la finestra rotta in modo da tale da congelare la notte; o per esempio non aver il coraggio di mettere un piede scalso nella moquette considerato la pulizia… cioè in poche parole, se venite in ostello smettete dopo un po’ di essere schizzinosi.

Vabbe comunque scrivo questo post anche per aiutare quelli che vogliono venire a Sydney e sono indecisi su quale ostello scegliere. Io ne ho visitati 3: il Wake up! , il Maze (entrambi in Pitt street), e il Great Aussie Backpacker in Kingross (visita guidata da parte di Setish di tripaustralia). Posso quindi un po’ consigliarvi. Chiaramente tutto dipende dalle vostre capacità finanziarie. Se potete permettervelo il YHA o anche il wake up! sono degli ostelli molto belli, nei quali ci si può benissimo vivere. Il wake up costa però 32$ a settimana in camerata da 10, e gli YHA hanno anche prezzi più alti. Questi ostelli di alto livello hanno cucine perfette, paragonabili a quelle dei ristoranti(a volte anche meglio), bagni e stanze abbastanza puliti, sale tv e hall spettacolari. Però considerate che 32$ sono 230$ a settimana, cifra che può andare bene solo se uno è a Sydney per vacanza e per pochi giorni. Passiamo al Maze, secondo ostello nel quale sono stato. Qui pago 147$ in camerata da 6(hanno anche quelle da 8, ma sono riuscita a beccarla solo nei primi giorni). L’ostello sembra, come dissi tempo fa, un rifugio squatter… cioè un posto dove sembra non ci siano pulizie da anni. Il pavimento è tutto di moquette, quindi vi lascio immaginare in che situazione sia, e il puzzo appena arrivate è veramente forte e dovrete starci almeno un paio di giorni per abituarvici. I bagni sono decenti, anche se alcune doccie fanno da schifo. Anche la cucina non è un granchè e far bollire la pasta è sempre un impresa. Internet costa un monte, e per lavare la roba bisogna spendere 8 dollari tutte le volte(da altre parti di solito sono 6 dollari). Note positive: i bagni sono veramente tanti, per cui niente file, è possibile trovare lavoro abbastanza facilmente per l’ostello(vi danno una notte libera ogni 3 ore di lavoro, quindi 7$ l’ora ), è un ostello gigante con penso 120 stanze almeno. Spesso c’è free goon (vinaccio gratis), a volte anche free food (stasera c’è purè e salsicce a gratis), ma soprattutto avrete pressoché infiniti free drink (quasi tutte le sere potrete farvi dai 2 ai 6 free drink). Il terzo ostello, il Great Aussie Backpacker in Victoria street (zona King cross), non ci sono stato personalmente, ma l’ho visitato e stavo per andarci. La cosa buona è il prezzo, con i suoi 125 aud a settimana penso sia il più economico. Ma poi le stanze sono abbastanza decenti, quella da quattro che ho visto aveva la tv, il bagno in camera, l’armadio e il frigo.. per quel prezzo veramente pazzesco. La zona in comune era molto carina, anche se le cucina era forse un po’ peggio di quella del Maze. In questo ostello inoltre c’è free breackfast e la domenica free barbeque. Insomma io vi consiglio questo ostello, anche se è a King cross, e quindi nel quartiere “malfamato” di Sydney, ha secondo me il miglior rapporto qualità prezzo della città. Io non mi sono mosso solo per pigrizia  e perché ormai assuefatto ai free drink di questo ostello.

La prossima settimana prevedo grossi  cambiamenti… vi terrò aggornati. A proposito ho mangiato la carne di canguro ed è veramente qualcosa di eccezionale, tenera come il manzo, saporita come il cinghiale con un po di amarognolo tipo fegato… sarebbe da fare le pappardelle al canguro, altro che cinghiale… ehehe

Annunci

9 risposte a “Gli ostelli di Sydney

  1. Strano che il Babbo non abbia ancora commentato sulla carne di canguro; mi aspettavo una frase del tipo: Ovvia ora metto un’ allevamento di canguri a Vaggio!!!
    ahahahaha!!!
    Ps.
    Sarà anche sudicio il pavimento ma vista la foto camminare sulla moquette mi sembra il problema secondario.
    Scherzi a parte saluti da casa!!!

    • Oggi mi sono rovinato… 250 grammi di pasta peperoni e panna e mezzo chilo di carne di canguro… sto ancora male per quanto ho mangiato… si considera anche il puzzo, cioè sei persone che vivono in una stanza che sarebbe neanche per due; vabbe, menomale che ho il raffreddore… conmunque penso che sia possibile mangiare carne di canguro anche in Italia, immagino preò costi una sassata e sia molto difficile da trovare.

  2. Complimenti per il blog bellissimo e utile, lo sto spulciando da settimane, e spero sinceramente di incontrarti dal vivo (parto in Gennaio). La mia domanda riguardo ai vari ostelli è: si riesce a dormire? Ovviamente mi porterò tappi per le orecchie, ma per chi come me ha il sonno leggero, è possibile riposare?

    • io sarò a sydney massimo fino al 10 gennaio, comunque prova una settimana, svegliati si viene svegliati a volte anche se si ha il sonno pesante.. diciamo magari prova camerate da poche persone che sono più tranquille, comunque sia provare non ti costa niente, stare in ostello è sempre una bella esperienza secondo me.

  3. Azz, praticamente parti quando arrivo io. Diciamo che ho parecchia esperienza in campeggio, ma lì c’è sempre l’ora in cui si è obbligati a fare silenzio, non so se là ci sia la stessa cosa.

  4. ciao, ho letto tutto il tuo blog e vorrei farti i complimenti, mi è stato molto utile! ora però vorrei chiederti una cosa, io parto a novembre e stavo dando uno sguardo agli ostelli per prenotare almeno la prima settimana e ho cercato quelli che hai segnalato tu, ma non corrispondono i prezzi, cioè, io li ho trovati per circa il doppio!!! è perchè sto cercando di prenotare dall’italia o i prezzi sono lievitati recentemente?

    • Ho guardato su hostelworld e ci sta che i prezzi, a novembre, siano più alti di quelli indicati da me. Il fatto comunque è che primo) se prenoti direttamente sul posto, di solito il prezzo è un po’ più basso, secondo)se prendi una settimana ci sono solito offerte che abbassano di parecchio il prezzo a notte.. Ci sono alcune momenti magari che rincarano, e per il periodo natale capodanno, so che i prezzi vanno alle stelle… però per novembre non ci dovrebbero essere questi problemi, e non penso che troverai prezzi più alti di 3-4$ a notte, rispetto a quelli da me indicati. Nel caso online ti indicano prezzi più alti, non fissarci da lì, vai sul sito dell’ostello e prenota, altrimenti mandagli un email. Pagare più di 150$ per un ostello a King cross sarebbe un furto.
      Senno, prenditi due o tre notti in un buon ostello (almeno se paghi che sia di qualità) e poi vai a cercarti ostelli in King cross economici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...